Tre Italia chiede 338 milioni di euro a Poste Mobile

Foto: Poste Italiane

Foto: Poste Italiane

H3G dichiara guerra a Poste Mobile e chiede un risarcimento di 338 milioni di euro. Questo è quanto emerge dalla relazione semestrale del gruppo Poste Italiane.

La battaglia legale delle sim era iniziata l’anno scorso, quando H3G aveva denunciato Poste all’Autorità Garante della Concorrenza, appellandosi alla legge 287 del 1980 (art.8, 2 quater), relativa alle imprese pubbliche con monopolio legale: qualora queste avessero deciso di offrire prodotti o servizi (anche tramite controllate o partecipate, come nel caso di Poste Mobile) al di fuori del proprio mercato dominante, avrebbero dovuto creare una situazione di “parità” con i diretti concorrenti, garantendo condizioni equivalenti.

La ratio della norma vuol essere chiaramente quella di non creare una situazione di disparità tra i player del mercato. H3G aveva quindi chiesto di poter godere degli stessi vantaggi di Poste Mobile, vendendo le proprie sim agli sportelli postali.

Continua a leggere

Trenitalia assume tecnici informatici

Foto: Getty Images

Foto: Getty Images

L’estate sta finendo e bisogna tornare ai posti di combattimento: Trenitalia cerca professionisti nell’IT e un giurista. Basta cliccare sul sito dell’azienda, la sezione ricerche in corso, per inoltrare la propria candidatura. Il termine massimo per l’invio del proprio cv è fissato al 4 settembre. La conoscenza della lingua inglese per tutte le posizioni è d’obbligo: è richiesto almeno un livello B2. Tutte le attività lavorative dell’area Information & Communication Technology si svolgeranno a Roma. L’unica eccezione riguarda il candidato giuslavorista junior: la deadline è fissata all’11 settembre e la sede è Napoli.

Esperti di Prodotto IT. Il candidato ideale ha un’esperienza di almeno dieci anni nello sviluppo di piattaforme informatiche, nel disegno di architetture ICT, nella realizzazione di migrazioni tecnologiche, nello sviluppo di interfacce in tema di system integration. Continua a leggere

Quando riaprono le scuole in Italia

scuola
Per la popolazione scolastica italiana le vacanze sono agli sgoccioli e a settembre sarà tempo di tornare in aula: una prospettiva consueta, ma che, nelle zone colpite dal sisma dello scorso 24 agosto, si rivela non priva di qualche precarietà. E proprio oggi infatti, il ministro dell’Istruzione Giannini sarà a Rieti, presso l’ufficio scolastico territoriale, per incontrare i dirigenti delle scuole nelle aree colpite dal sisma, per capire come potrà partire l’anno scolastico, dopo aver comunque promesso l’attivazione di una task force per consentire, ai ragazzi delle zone colpite, una ripresa puntuale e in condizioni di regolarità.

Nel Lazio e nelle Marche, tra le regioni colpite, come era stato comunicato con la pubblicazione da parte del Miur del calendario scolastico 2016/2017, la ripartenza era prevista dal 15 settembre.

E nel resto d’Italia?

Continua a leggere

Il virus ebola sopravvive nello sperma per oltre un anno

(foto: ohn Moore/Getty Images)

(foto: ohn Moore/Getty Images)

A gennaio l’Oms ha dichiarato conclusa l’epidemia di ebola che ha falcidiato l’Africa Occidentale negli ultimi due anni, uccidendo più di 11mila persone tra Sierra Leone, Liberia e Guinea. A marzo però, un nuovo atteso flare-up: un focolaio che ha coinvolto 15 persone, uccidendone nove, prima di essere spento definitivamente. E rintracciando il paziente zero, i ricercatori dell’Oms hanno fatto una scoperta inaspettata: il paziente, una donna, aveva contratto la malattia attraverso un rapporto sessuale con un sopravvissuto, guarito dall’infezione da ebola ormai da più di 15 mesi. Un mistero, la cui soluzione arriva da un recente studio del ministero della salute liberiano e dei Centers for Disease Control americani: il virus infatti può rimanere dormiente nello sperma dei sopravvissuti per periodi lunghissimi, anche superiori ad un anno.

La ricerca, pubblicata sulla rivista The Lancet Global Affairs, ha coinvolto oltre 400 uomini nell’ambito del primo programma nazionale di monitoraggio dello sperma del governo liberiano. I controlli sono iniziati il 7 luglio del 2015, e proseguono tutt’ora, e hanno offerto ai ricercatori l’opportunità di verificare i tempi di permanenza del virus dell’ebola nel liquido seminale umano.

I 38 partecapanti sono risultati positivi almeno una volta alla presenza del virus dell’ebola. Continua a leggere

I cani capiscono cosa diciamo e come

Più simili di quanto creduto finora. I cani riescono a distinguere parole e intonazioni delle voci umane in modo simile a quanto facciamo noi stessi, suggerendo che l’unicità del nostro linguaggio non sia poi così esclusiva come creduto finora. E che le intuizioni di chi un cane ce l’ha non siano affatto soggettive. A raccontarlo è oggi uno studio pubblicato su Science dal team di Attila Andics della Eötvös Loránd University (Budapest) che insieme ai colleghi ha guardato nel cervello dei cani sottoponendone 13 a risonanza magnetica.

Farlo ha significato addestrare i cani a rimanere senza muoversi in un scanner per l’imaging e registrare l’attività cerebrale mentre venivano loro pronunciate delle parole. Parole di lode pronunciate in modo complimentoso o neutrale o semplici congiunzioni (senza significato per i cani) pronunciate allo stesso modo, con fare lodevole o neutrale. Lo scopo, raccontano i ricercatori, era capire se i cani riuscissero a differenziare tra parole di senso e no e tra intonazioni lodevoli o no. Per capire, in sostanza, se fossero simili al modo con cui noi interpretiamo i discorsi, percependo sia il significato delle parole che come esse vengono pronunciate.

Continua a leggere

Stranger Things, ecco la nuova teoria dei fan

eleven

[attenzione: spoiler sul finale di Stranger Things]

Una delle tesi più affascinanti su Stranger Things vuole che il successo dello show sia parzialmente determinato dal mistero che ne circonda la cosmogonia. Cos’è il Sottosopra? Perché esiste? Chi è davvero Eleven e chi o cosa è e da dove viene il Demogorgone?

La mente alveare sembra aver generato una risposta possibilmente attendibile alle ultime due domande: secondo alcuni utenti di Reddit, infatti, il mostro potrebbe essere null’altro che una manifestazione di Eleven scatenata dalla sua rabbia. Un lato distruttivo incarnato, per così dire.

7dd1c770-3403-0134-0ca7-0a0b9a139ea7
Continua a leggere

Google si dà al carpooling, ma non farà concorrenza a Uber

Travis Kalanick, Ceo di Uber

Travis Kalanick, Ceo di Uber

Google lancerà a breve un servizio di ride-sharing a San Francisco, costruito attorno a Waze, l’applicazione di navigazione alimentata in crowdsourcing che ha comprato nel 2013 per 1,3 miliardi di dollari.

Il Wall Street Journal ha titolato impetuoso che Big G vuole sfidare Uber ma, senza nulla togliere ai giornalisti del WSJ, probabilmente a Mountain View vogliono solo sondare il terreno per raccogliere informazioni preziose da destinare alle auto senza conducente.

In altre parole, il test che per ora è limitato alla sola città di San Francisco, è da considerare più a favore di Waze che a sfavore di Uber. Google conta molto sull’applicazione di navigazione e, con buona regolarità, implementa nuove funzioni. A marzo ha introdotto informazioni sui limiti di velocità e informazioni in tempo reale sul traffico .

Tra l’altro il servizio di ride-sharing offerto da Google non sarà una novità, infatti è già stato testato a partire dallo scorso maggio, limitandolo però a un numero ristretto di dipendenti (circa 25mila) di alcune aziende selezionate. Continua a leggere

I social network sono pieni di bambini e nessuno ci fa caso

bambini2Numeri di questo tipo sono molto rari. Ecco perché quando ne saltano fuori è fondamentale diffonderli. Per dare l’idea di quanto e sempre, nonostante le famose “fughe verso Snapchat”, Facebook rimanga un territorio popolato da bambini. Piccoli e piccolissimi, per così dire, “non accompagnati”.

Le regole – mutuate dalle leggi statunitensi, e già su questo dovrebbe aprirsi un dibattito serio – indicano 13 anni come età minima per l’iscrizione al social network, tranne rare eccezioni. Eppure, su una piattaforma che non prevede alcun controllo se non la propria “autocertificazione”, i bambini si muovono agilmente spesso con la sciocca complicità dei genitori. Mentendo pur di accedere alle bacheche. Uno degli ultimi studi, ormai decisamente vecchi, parlava di 7,5 milioni di under 13. The Atlantic riporta ora alcune indagini più ristrette ma tuttavia statisticamente significative pubblicando un estratto del libro The Cyber Effect di Mary Aiken. Continua a leggere

Amazon Drive, spazio cloud illimitato per 70 euro all’anno

1397722849_cloud-600x335

Amazon vara oggi il piano: Archiviazione illimitata, ovvero dà facoltà ai propri clienti di salvare sulla nuvola tutti i file che desiderano, senza limiti di spazio, a 70 euro l’anno. Se ti iscrivi potrai usare il servizio gratuitamente per 3 mesi. “La maggior parte delle persone conserva su diversi dispositivi una vita intera di foto scattate nel corso di compleanni, vacanze e momenti quotidiani: molti di loro non sanno quanti gigabyte di archiviazione siano necessari e quanto possa costare salvare tutti questi ricordi”, spiega David Nenke, direttore di Amazon Drive. “Con il nuovo piano Archiviazione illimitata i clienti avranno una soluzione affidabile e sicura per conservare foto, video, film, musica e altri file in un solo posto, senza opzioni di archiviazione su più livelli o costi crescenti di cui preoccuparsi”.

Il piano Archiviazione illimitata è utilizzabile sia dagli utenti privati sia da quelli aziendali, offrendo così anche soluzioni di backup esterne la cui sicurezza è garantita da Amazon. Se sei cliente Prime e già puoi sfruttare lo storage illimitato per le foto, puoi comunque attivare il nuovo piano, questo vale anche per i clienti Amazon Drive.

Una soluzione che mette tutti d’accordo perché accessibile da qualsiasi browser e dalle app per iOS e Android (i tablet Fire hanno un client integrato) e perché, soprattutto se hai molti dati da archiviare, è vantaggiosa per il portafogli: i più diffusi servizi di archiviazione cloud, esaurito lo spazio gratuito, hanno costi che possono essere più alti, a partire dai 7 Continua a leggere

I marziani di Fredric Brown, come i webeti dei social network

Irritanti, logorroici, criticoni, offensivi e impossibili da sopprimere. Di chi sto parlando? Dei troll della rete? Dei “webeti” per usare un termine più recente, coniato da Enrico Mentana? No, dei marziani di Fredric Brown, prolifico autore americano che scrisse un breve romanzo di fantascienza umoristica di grande successo, nel 1955,Marziani, andate a casa!
Trama: Stati uniti, anni Sessanta. Lo scrittore di fantascienza Luke Devereaux, divorziato, viene visitato da un marziano mentre sta cercando idee per un nuovo romanzo. Piuttosto scortesemente il marziano, dopo aver criticato lui e l’umanità, lo informa (grazie alla sua capacità di teletrasportarsi) che la sua nuova ragazza lo tradisce.

Schermata-2016-08-11-alle-16.36.24

http://images.wired.it/wp-content/uploads/2016/08/1472633841_images.jpg
Continua a leggere

Harry Potter e la maledizione dell’erede arriverà al cinema?

harrypotter

Ecco una notizia succosa, ma prendetela con le pinze: nonostante sia Daniel Radcliffe sia Warner Bros abbiano rifiutato di confermare o commentare, pare sia in atto un’ampia manovra per trasformare la rappresentazione teatrale Harry Potter e la maledizione dell’erede in una nuova trilogia cinematografica.

Secondo il New York Daily News che riporta lo scoop, Warner (al momento impegnata a gestire i disastri di critica ma relativi successi di pubblico legati mondo Dc Comics) vorrebbe portare l’ultima storia di Harry Potter in sala in tempo per il 2020. La domanda fondamentale riguarda la partecipazione di Radcliffe a un grande impegno di questo tipo dopo la fatica fatta per distanziarsi, in un certo senso, dal ruolo assunto per la prima volta ormai quindici anni fa.

Intanto un’altra scommessa (vinta in partenza, probabilmente) è in atto: Animali fantastici e dove trovarli, primo capitolo di un’altra trilogia praticamente assicurata nata in seno all’universo magico creato da JK Rowling, si manifesterà nei cinema italiani il 17 novembre.

The post Harry Potter e la maledizione dell’erede arriverà al cinema? appeared first on Wired. Continua a leggere

Last Man, il fumetto francese che sfugge alle catalogazioni

Adrian Velba, un gracile bambino che vive solo con la madre Marianne, vuole vincere a tutti i costi la Coppa del Re al torneo di lotta del loro villaggio. Il problema è che questo torneo si combatte in coppie, e che proprio la mattina delle qualificazioni il suo compagno di sente male e dà forfait. L’unica opportunità di entrare in gara, per Adrian, diventa uno straniero grande e grosso di nome Richard Aldana, il cui stile di combattimento ricorda più quello delle risse da bar che non le loro eleganti e scenografiche evocazioni (o “stronzate di maghi”, come le chiama lui).

Parrebbe l’inizio di un’avventura testosteronica in stile la strana coppia, invece le cose si complicano in fretta. Perché Richard, in una cittadella medievale, ci è arrivato in moto? Perché Marienne sa compiere evocazioni devastanti che il figlio non ha mai visto eseguire nemmeno dai maestri? Cosa c’entrano la mafia, un giro di scommesse di boxe e la più famosa (e formosa) popstar del mondo, e perché gli scenari alternano città moderne a ambientazioni desertiche alla Mad Max? Insomma, davanti a che razza di fumetto ci troviamo? Ok, a quest’ultima domanda è facile rispondere: a uno molto fico.

Continua a leggere